Bertoli Maila Bertoli Maila . Padova, (Veneto) Guida Turistica Padova e ville venete Provincia di Padova.
Guida Turistica Padova e Ville Venete Padova, (Veneto). 3385648858. .

I portici di Via Cassan

I portici di via Cassan

Padova è famosa per i suoi portici. Se ti venisse voglia di percorrerli tutti, potresti goderti la città al riparo dal sole e dalla pioggia per 12 km. Ogni zona porticata si caratterizza per qualche particolare. Ma nella fretta poi, ci sembrano tutti uguali. Tutti, tranne quelli di via Cassan. Quelli potrei riconoscerli a occhi chiusi. Appena

imbocchi la stretta via, la temperatura si abbassa di qualche grado rispetto al tratto precedente di via Porciglia. Fa più freddo. E, senza rendertene conto, cominci a camminare con un passo più pesante. L'acustica di via Cassan è formidabile. Deve averlo capito bene quella bambina che vedevo ogni sabato più o meno alla stessa ora percorrere la via mano nella mano con i suoi genitori. Portava un cappottino blu e il fazzoletto rosso in testa, la madre, bellissima "Audrey Hepburn padovana doc”, lo portava blu e verde. Circa a metà portici la madre guardava la figlia e le diceva: “Femo el gaeoppo?” e la bambina, con un urletto di felicità, staccava la mano dal padre, prendeva a braccetto la madre.. e via! Cominciavano a camminare simulando il trotto, accompagnandolo con il classico suono onomatopeico “to ton- to ton”. Effetto home theatre all'aperto. Mentre a pochi passi quel Gigante si riposava in giardino, loro correvano incontro alla felicità. Era bello vederle saltare e sorridere. La gioia nel viso di quella bimbetta e di quella donna così dolce è una delle cose che non dimenticherò mai. Sembrava prendessero il volo, complice un po' l'ultimo tratto di strada in salita. A un certo punto si fermavano, davanti al negozio di abiti da sposa, per sognare un futuro e prendere fiato, prima di affrontare gli scalini del cinema Altino e buttare l'occhio sui film del giorno. Poi facevano il loro ingresso nel “Salone delle Feste”, vale a dire “il centro di sabato pomeriggio”. L'ho vista crescere anno dopo anno quella bambina, e ancora oggi ogni volta che passa sotto i portici di via Cassan, si tira su la giacca nel punto più freddo; inizia a camminare pesantemente e, cantando tra sé “to ton to ton”, sogna il passato e guarda al futuro.

Joomla templates by a4joomla

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information